GUIDONIA – “Adaltis” in crisi, licenziati 15 dipendenti

Cassa Integrazione nella ditta di Elettromedicali di via Einaudi nell’Area industriale

Qualcuno è un neo assunto, tanti hanno anzianità ultraventennale, ma c’è anche chi era a un passo dalla pensione. Per tutti è arrivato il licenziamento. Da lunedì 9 settembre è scattata la Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (Cigs) per 15 dipendenti dello stabilimento della “Adaltis srl”, la società di via Luigi Einaudi 7 operante nel campo dei reagenti e strumentazione per analisi del sangue, immunologia e infettologia. D’altronde, il 23 luglio la fase sindacale era terminata senza raggiungere un accordo con la proprietà, per cui la questione è stata sottoposta alla Direzione Lavoro della Regione Lazio che lo scorso martedì 3 settembre ha espresso parere favorevole al riconoscimento del trattamento della Cigs per crisi aziendale richiesta dalle organizzazioni sindacali per completare la procedura di licenziamento collettivo avviata il primo marzo scorso dalla Srl nei confronti dei 15 lavoratori dello storico stabilimento ubicato nell’area industriale dell’Albuccione. Nel verbale d’accordo firmato dai rappresentati dell’azienda e dai sindacalisti Gianluca Fiore, Ada Paletta e Ulderico Marzioni di Rsu Femca Cisl, Leonardo Veglia di Filctem Cgil e Catia Sergianni di Uiltec Uil, si giunge alla conclusione che l’unica soluzione possibile per salvaguardare il profilo occupazionale e professionale acquisito dai lavoratori sia proprio la Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, un’indennità erogata dall’Inps per integrare la retribuzione dei lavoratori dell’azienda in crisi fino all’8 settembre del prossimo anno. I 15 dipendenti licenziati sono uomini e donne di età compresa tra i 22 e gli oltre 60 anni di diversi ruoli sia del settore vendite che della produzione, per cui di 36 oggi ne restano 21 in servizio presso lo stabilimento di via Einaudi. Adaltis ha accettato la proposta dei sindacati di effettuare la rotazione tra i lavoratori sempre tenuto conto delle caratteristiche specifiche delle attività qualora lo consentano le esigenze tecnico-produttive-organizzative dell’azienda. Vale la pena ricordare che “Adaltis srl” di controllata da un gruppo israeliano ha rilevato la “Adaltis Italia Spa”, la multinazionale fallita il 7 agosto 2009 quando contava ben 60 dipendenti praticamente dimezzati in dieci anni. La storia dell’azienda specializzata in Medicali ed Elettromedicali, Impianti ed Apparecchi nasce alla fine degli anni Settanta, quando un gruppo imprenditoriale italiano creò “Biodata” una società affiliata alla Serono Farmaceutica e che negli anni Ottanta divenne una società leader nel campo dell’immunodiagnostica. Poi fu la volta di “Biochem” con la vendita della società a un gruppo canadese e infine nel 1990 venne alla luce Adaltis Italia spa, mentre lo stabilimento produttivo di via Einaudi aprì i battenti il 24 ottobre del ‘97.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *